Questo progetto è nato da una condizione che a mio avviso ci perseguita ma al tempo stesso è piacevole: L’attesa. In questo percorso si tenta di oltrepassare il nostro coinvolgimento con questo stato. A volte la percepiamo come qualcosa d’inutile e interminabile perché priva d’impulsi e vuota; altre volte è proprio nel momento dell’attesa che percepiamo le emozioni più forti. Spendiamo vite intere nell’attendere cambiamenti che, magari mai avverranno.
In questo progetto L’ Attesa : oltre il nostro coinvolgimento non è necessariamente associata ad una visione temporale del termine, ma coinvolge vari aspetti anche apparentemente banali che sfociano in un perenne stato di attesa interiore, l’essere umano non può sfuggire a questa condizione. Ne sono esempio l’ Attesa di agire e scegliere, di parlare e rivelarsi. Tra i vari scatti ho voluto affrontare il tema suddividendo il progetto in tre sezioni:

Nella prima presenterò foto sull’attesa riferite a esperienze che coinvolgono la quotidianità, espressa in luoghi comuni come aeroporti, ospedali, fermate dell’autobus e stazioni ferroviarie.

Nella seconda parte il tema riprenderà elementi astratti in cui si presenta l’attesa nella solitudine, nell’idea di crescita e di morte; cercando di rendere concreto lo stato d’attesa nella nostra vita e di manipolarlo, uscendone sconfitti.

In conclusione mi sono soffermata sull’opera teatrale di Samuel Beckett “Waiting for Godot ” dove emerge il dramma dell’attesa e dell’inutilità presente in essa, mostrando ancora una volta il significato di Attesa oltre il nostro coinvolgimento.

L’ATTESA il book completo del progetto QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *